Pareggiare “la base di partenza” significa realizzare un primo gradino della scala del welfare, quello che offre a tutti pari diritti di partenza; il welfare, tuttavia, è una scala con tre gradini ed un secondo gradino garantisce diritti sociali, civili, di istruzione, di salute, di partecipazione e di scelta. Giustizia, libertà ed eguaglianza appartengono ai diritti di tutti.

Il terzo gradino consiste nell’offrire le condizioni di benessere, presente e futuro, ai cittadini: questo coinvolge salute, istruzione, benessere economico, ambiente, ricerca e quant’altro ben definito da protocolli quali il BES – Benessere Equo e Sostenibile di Istat. In questa dimensione, il welfare pubblico collabora con il welfare aziendale, il terzo settore, la famiglia, il mercato finanziario, istituendo una rete che opera sia proteggendo le fragilità che promuovendo il benessere di tutti.

Leggi gli articoli scritti da eQwa (Selezionare l’immagine per ingrandirla):

Articolo - WELFARE e REDDITI MINIMI
Qualche riflessione sui redditi minimi. (Sergio Sorgi, presidente di eQwa)
Articolo - WELFARE e REDDITI MINIMI - Un Antidoto alla lotteria
Un Antidoto alla lotteria (Sergio Sorgi, presidente di eQwa)