La compagine formata da eQwa (capofila), Intrecci, Comin, Lotta contro l’emarginazione e Farsi Prossimo è stata scelta come partner per la coprogettazione di un nuovo servizio di educazione finanziaria di qualità a supporto dei cittadini milanesi.
Il servizio supporterà i cittadini vulnerabili ad uscire dalla fragilità economica, e i cittadini economicamente stabili a prevenire il rischio di difficoltà economiche future.
A breve i milanesi potranno contare su un servizio di accompagnamento individuale sui temi dell’economia personale e familiare, che li aiuterà a spendere meglio, gestire i propri debiti, proteggersi dagli imprevisti, pianificare il tempo della pensione e utilizzare i risparmi per i progetti di vita.

Il servizio sarà erogato da educatori finanziari del terzo settore, abilitati ad operare conformemente alla norma di qualità UNI 11402.

Con questo servizio il Comune di Milano si affianca alle esperienze del governo inglese (Money Advice Service) e delle città statunitensi (Offices of Financial Empowerment) nell’offrire un supporto concreto per il benessere di tutti.

È stata pubblicata la Prassi di Riferimento UNI/PdR 103:2021 “Welfare aziendale – Requisiti per la progettazione, la realizzazione e valutazione di progetti di welfare aziendale e requisiti di competenza del welfare manager”.

Il tavolo di lavoro, coordinato da UNI,  ha coinvolto esperti provenienti dal mondo delle imprese, della cooperazione, rappresentanti dei consumatori e dell’Università: Sergio Sorgi – Project Leader (eQwa), Francesca Bertè – eQwa, Stefano Bonetto – UNI/CT Servizi, Elisabeth Cellie – Assimoco Spa, Claudio Grossi – Progetica Srl, Francesca Luppi – Università Cattolica del Sacro Cuore, Maria Cristina Osnaghi – Movimento Consumatori Milano, Emanuele Riva – Accredia, Martina Tombari – Gruppo Cooperativo CGM.

La prassi di riferimento definisce i requisiti per la progettazione, la realizzazione e la valutazione di progetti di welfare aziendale, il profilo del welfare manager in termini di conoscenze, competenze, responsabilità, abilità capacità organizzative e comunicative, le raccomandazioni per la conformità e la certificazione.

La prassi si rivolge a tutti coloro che intendono attivare percorsi di welfare aziendale a regola d’arte e qualificare i welfare manager. La prassi, in sintesi, si rivolge a tutte le imprese determinate a consolidare la propria reputazione sociale attivando welfare aziendale utile ed efficace, in termini di posizionamento e di sviluppo.

Di seguito la notizia ufficiale UNI, che vi invitiamo a consultare:

https://www.uni.com/index.php?option=com_content&view=article&id=10510:progetti-di-welfare-aziendali-e-competenze-del-welfare-manager-pubblicata-la-uni-pdr-103&catid=171&Itemid=2612

La prassi di riferimento è liberamente scaricabile e consultabile a questo link, previa registrazione.

In partenza una nuova edizione del corso di educazione finanziaria di qualità!
Il percorso formativo offerto da eQwa è rivolto a preparare educatori finanziari conformi alla norma tecnica «Educazione Finanziaria del Cittadino – Requisiti del servizio» UNI 11402. Questa nuova figura professionale completa i tradizionali servizi offerti dalle organizzazioni sociali ad un’utenza colpita da vecchie e nuove fragilità, aiuta a mettere ordine all’economia personale, tenendo sotto controllo le spese e i debiti, proteggendoci dai rischi, preparando la pensione e realizzando i progetti di vita.
eQwa - Osservatorio Senior - Ripartiamo dalla felicità

Ripartiamo dalla felicità

La ricerca della felicità accumuna tutti noi. Da secoli ci si domanda cosa sia la felicità e come la si possa raggiungere, e questa tensione probabilmente non finirà mai.
eQwa - Osservatorio Senior - Educazione finanziaria di qualità per vivere (economicamente) sereni

Educazione finanziaria di qualità per vivere (economicamente) sereni

Riuscirò a risparmiare un po’ di più e pagare i miei debiti? I miei figli sapranno cavarsela da soli? Ed io sarò autosufficiente? La pensione Inps mi basterà per vivere bene?...
Benessere: una sfida ed un dovere

Benessere: una sfida ed un dovere

Nessuna politica può far stare bene le persone, ma può creare le condizioni perché questo possa avvenire. La domanda di fondo è: come realizzare le condizioni ottimali perché le persone possano aspirare al benessere?